La Natura lucana attraverso le stagioni

Le escursioni, le passeggiate, le visite guidate e le altre attività proposte in queste aree è possibile compierle sempre, durante tutto l’anno, a riprova dell’estrema ricchezza di ambienti naturali della terra lucana. Durante la stagione invernale, è possibile compiere brevi passeggiate sulla neve con le ciaspole, in particolare nel Parco nazionale del Pollino, per ammirare gli affascinanti paesaggi di abeti e faggi ricoperti di neve e osservare e riconoscere le tracce degli animali sulla coltre bianca.

Nello stesso tempo si possono effettuare belle escursioni nella macchia mediterranea del Parco regionale della Murgia materana, alla scoperta del selvaggio ambiente delle gravine, luoghi ricchi di fascino. Non possono mancare poi, escursioni e visite guidate nel Parco regionale di Gallipoli-Cognato e Piccole Dolomiti lucane, tra estesi boschi di querce e rocce d’arenaria, nel mondo affascinante di una Natura poco conosciuta, tra valli e ruscelli, paesini ed antichi insediamenti umani.

In primavera

Questa è la stagione più adatta per ammirare le tante specie di fiori che vegetano nel Parco della Murgia materana, in quest’area protetta, è possibile osservare e riconoscere alcuni degli uccelli rapaci che vivono tra l’altopiano murgico e le gravine. Nel Parco di Gallipoli-Cognato e Piccole Dolomiti lucane, invece, oltre alle spettacolari fioriture presenti nel sottobosco dei querceti, è piacevole seguire i numerosi sentieri, che si sviluppano nelle cerrete di Montepiano e Gallipoli-Cognato ascoltando il tambureggiare dei picchi o quelli che percorrono le creste delle Piccole Dolomiti, tra mandrie di mucche podaliche ed una fauna sempre ricca e varia.

Con temperature più miti e la scomparsa della neve in quota, le cime dei parchi nazionali del Pollino e dell’Appennino lucano, sono il degno scenario per interessanti escursioni montane, con difficoltà e dislivelli variabili. Infine, nella Riserva naturale orientata del Bosco Pantano di Policoro, possiamo immergerci tra le fragranze della macchia mediterranea, i colori delle dune in fiore ed il bosco ancora allagato.

Passeggiare d’estate

Con l’aumento delle temperature e le giornate più lunghe, si possono intraprendere bellissime escursioni in quota, sia all’ombra dei boschi sia sulle praterie d’altitudine che ricoprono le maggiori vette dell’Appennino lucano, dove è possibile ammirare le splendide fioriture tardo-primaverili e della prima estate, che tappezzano i prati ed i pascoli, ma questo è anche il periodo più adatto per visitare le straordinarie colonie di pini loricati del Massiccio del Pollino e delle altre montagne del Parco. Le temperature più fresche, l’ombra dei boschi, i ruscelli ancora attivi e le numerose sorgenti, ci accompagneranno durante le nostre escursioni, alla scoperta del fascino della montagna lucana e delle sue foreste.

L’autunno

L’autunno
L’autunno

L’autunno è senz’altro la stagione più adatta per camminare lungo i sentieri. Il silenzio delle foreste, rende ancora più affascinanti queste atmosfere e le temperature ancora gradevoli e le belle giornate, soprattutto della prima parte della stagione, fanno di questo momento dell’anno, tra i più magici in assoluto; in questo periodo le più belle escursioni sono quelle nelle faggeto-abetine del Pollino o nell’Abetina di Laurenzana, ma anche nei boschi di faggio dell’Appennino lucano. Alle quote più basse, ma a stagione inoltrata, i paesaggi si tingono dei colori meno accesi delle querce come nelle foreste di Gallipoli-Cognato e Montepiano, ma anche delle altre latifoglie che si preparano alla stagione fredda. A stagione avanzata, infine, anche la Murgia materana si accende dei colori delle piante che stanno per perdere le foglie e che si distinguono tra la macchia mediterranea sempreverde.